script nel body - cookiechoises nella root del dominio

Pietro Gori,

anarchico pericoloso e gentile

   

Home

Premessa

"Giornate Goriane"
2008 all'Elba

Altre iniziative

Pietro Gori la sua vita

Il CD dei
"Les Anarchistes"

Comunicato
stampa

Riedizione quaderno
etnografico su
Pietro Gori all'Elba

Rassegna stampa

Fotogallery

Links

Contatti

 

 

Anteprima CD Les Anarchistes - Pietro Gori

Il nuovo CD de Les Anarchistes “Pietro Gori”
sarà presentato a Portoferraio il 1° maggio con un gran concerto
sulle mura medicee alle ore 18

Concerti/Anteprima all'Isola d'Elba:
Portoferraio 1 maggio 2008 ore 18 Mura Medicee
Capoliveri 4 maggio ore 17 Festa del cavatore. Piazza Matteotti
anteprima acustica Rio Marina 29 aprile ore 21 Teatro Garibaldi


CD in edizione esclusiva per l'evento
“Pietro Gori,anarchico pericoloso e gentile"
Isola d'Elba 29 aprile – 4 maggio 2008

>>>comunicato stampa

E' il nuovo CD de Les Anarchistes (Premio Ciampi 2002 per il miglior
debutto discografico dell'anno con “Figli di origine oscura”), con
gli arrangiamenti di Nicola Toscano e Max Guerrero. E' un omaggio a
Pietro Gori. Pensatore anarchico, poeta, difensore nei tribunali e
nelle piazze dei diritti degli sfruttati, dei lavoratori, dei
libertari perseguitati. A lungo perseguitato lui stesso. Fuggiasco in
Inghilterra, Argentina, Stati Uniti, Svizzera. Da lì poi “scacciato
senza colpa” verso la Germania, dove nasce il suo “Addio a
Lugano”, la sua canzone più conosciuta. Una vita spesa a inseguire
un ideale di libertà e giustizia, fino alla sua morte, avvenuta a
Portoferraio nel 1911. Proprio lì, dove aveva cercato di far valere i
diritti delle famiglie dei lavoratori elbani periti nelle miniere il
3 agosto del 1907. Un fatto al quale Les Anarchistes si ricollegano
per le sue inquietanti analogie con il presente, passati cent'anni.

Nel CD “Pietro Gori” ritroviamo tutto questo. Tramite le voci
rinnovate del gruppo, una donna, Cristina Alioto, un uomo, Alessandro
Danelli, ad interpretare in maniera nuova i canti goriani: Addio a
Lugano, Stornelli d'esilio, Inno del Primo Maggio con l'hip hop in
napoletano di Lucariello (Almamegretta), che reppa con intensità la
tragedia delle morti bianche; una nuova versione di Sante Caserio; la
dolcezza dell' Inno dei lavoratori del mar e di Già allo sguardo,
Amore ribelle, e per completare un brano de Les Anarchistes in
omaggio a Gori -Solo un bandido- e di uno, fortemente evocativo del
cantautore catalano Lluis Llach , scritto dall'esilio franchista nel
'68, L'estaca. Il tutto in una trasfigurazione contemporanea che
miscela nuovo folk, free-jazz, rock ed elettronica con i musicisti
Nicola Toscano chitarre, Max Guerrero keyboards, elettronica,
percussioni, Mauro Avanzini sax e flauto, Lauro Rossi trombone,
Pietro Bertilorenzi basso, Mirko Sabatini batteria e l'apporto
funambolico del funambolico violino dell'ungherese Zita Barbara.

Les Anarchistes

Info: www.pietrogori.org www.lesanarchistes.org info@lesanarchistes.org
Tel. Organizzazione Giornate goriane 0565.938214 - Les Anarchistes
0585-041741

Sono aperte le prenotazioni per il CD in vendita promozionale a 10
euro+spese di spedizione
info@lesanarchistes.org